QUI TROVERETE



BENVENUTI - QUI TROVERETE



- MITI E LEGGENDE di tutto il mondo
- ANTICHE CULTURE
- ANTICO EGITTO
- ANTICA ROMA
- ANTICA GRECIA
- I libri di MARIA PACE
- LIBRI
- ROMANZI - RACCONTI e FIABE
- ANEDDOTI e CURIOSITA'
- MISTERI ed ENIGMI svelati e da svelare
-.... e tanto altro ancora

Informazioni personali

Le mie foto

Nata a Filiano (PZ) dove ho conseguito il Diploma di Scuola Superiore, mi sono trasferita a Torino, dove ho frequentato l'Università e la Facoltà di Economia; in Egitto ho visitato scavi e siti archeologici. Appassionata Ricercatrice di Antiche Etnie, Egitto in particolare, ho portato la mia passione nelle Scuole, realizzando interessanti Laboratori Didattici.
Ho pubblicato una dozzina di libri storici, storico-fantasy e storico-ecologici, a carattere didattico, distribuiti nelle Scuole, ma ho scritto anche per un pubblico non scolare e per Case Editrici come: G.PRINCIPATO di Milano, TIGULLIO-BACHERONTIUS di S.Margherita Ligure.
Ultimamente sto pubblicando con SOCIETA' EDITRICE MONTECOVELLO in un rapporto di collaborazione a lunga scadenza.

domenica 20 luglio 2014

SERVIO TULLIO - VI° Re di Roma... e lo "Schiavetto Dormiente"

SERVIO TULLIO - VI° Re di Roma....  e lo Schiavetto Dormiente
Lo schiavetto dormiente!… Si chiamava Servio Tullio e sarebbe diventato il VI° Re di Roma, ma per il momento era solo un fanciullo addormentato accanto alla fiamma di un focolare nella reggia di Tarquinio Prisco, Re di Roma. Quand’ecco uno straordinario prodigio, così come ce lo riferisce lo storico Tito Livio:
“… un prodigio che fu veramente meraviglioso sia a vedersi che per gli effetti che ebbe…”
Di che cosa si trattava?
Intorno al capo del fanciullo addormentato erano venute a crepitare, d’improvviso, le fiamme del focolare.
Richiamati dal trambusto, il Re e la Regina, Tarquinio Prisco e Tanaquilla, ne rimasero assai impressionati. Ad un servo accorso con dell’acqua per spegnere le fiamme, la Regina ordinò di non farlo, essendo, quello, un chiaro segno degli Dei. Attesero che il fanciullo si svegliasse e quando questo accadde, come per incanto, le fiamme si spensero.
“E’ un chiaro segno degli Dei!” continuava a ripetere la Regina.
Tanaquilla convinse il Re ad adottare quel bambino, chiaramente sotto la protezione divina, la cui presenza a corte, disse, avrebbe sicuramente guidato la benevolenza degli Dei anche sulla reggia e la città tutta. Senza trascurare il fatto, fece osservare ancora la Regina, che quel fanciullo, se pur schiavo era di stirpe reale, poiché sua madre era Ocrisia, principessa dei Cornicoli, popolazione latina assoggettata a Roma.
Questa storiella, la regina Tanaquill la tirò fuori, come un coniglio dal cilindro di un moderno preestigiatore, quando propose al Senato ed al popolo romano la candidatura di Servio Tullio, ormai adulto, a “Reggente”, in attesa che i nipoti del Re, appena morto per mano assassina, fossero cresciuti. Nessuno, insisté la Regina, donna ambiziosa e dalle infinite risorse, avrebbe potuto ricoprire più degnamente quel delicatissimo ruolo.
Se ciò non fosse bastato per convincere anche i più indecisi, la Regina aveva già, bella e pronta, un’altra storiella: le circostanze ancor più prodigiose in cui il fanciullo era giunto a questo mondo. La principessa Acrisia, sua madre, riferì Regina, era stata fecondata, ancora vergine, dal Dio-Ignis in persona che, sotto le sembianze di membro maschile, s’era staccato dal Focolare Sacro della Reggia e l’aveva avvolta in una spirale di fuoco.
Riuscì Tanaquilla convincere il Senato?
Ci riuscì e Servio Tullio, ormai adulto e sposato ad una delle sue figlie, assunse la carica di Reggente… non prima di aver promesso solennemente alla “etrusca di ferro” che non le avrebbe giocato alcun tiro mancino e che al momento giusto si sarebbe fatto da parte.
Servio Tullio, però, non aveva affatto intenzione di abdicare. E non lo fece mai e diversi anni più tardi divenne, a furor di popolo, il VI° Re di Roma.
Quando si parla di Re di Roma, comunemente si tende a classificare come “Latini” i primi quattro ed “Etruschi” i successivi tre. Lo si fa, forse, un po’ affrettatamente.
Servio Tullio, in realtà, era di origine latina e non fece proprio nulla in favore degli etruschi. Al contrario, inasprì i rapporti con Tarquinia e mosse guerra alla gente etrusca.
Fu Veio ad aprire le ostilità, ma seguirono ben presto Cere, Tarquinia ed altre città e la guerra si trascinò per anni procurando danno soprattutto ai proprietari di terre. I malumori di costoro, però, fornirono al Senato il pretesto per sbarazzarsi di lui con l’accusa di “Sovranità illegale”.
Servio Tullio, però, batté i Senatori sul tempo. Convocò il popolo romano nel Foro e tenne un discorso dagli accenti vibranti, degno di un politico di due millenni più tardi: filo-democratico e filo-proletario.
Che cosa promise di così straordinario da far risuonare il Foro di scroscianti applausi quali quelli di un pubblico di scatenati fans di nostrane star del rock?
Prima di tutto promise l’abolizione della “nexum”, ossia l’abolizione della schiavitù per debiti ( ed a Roma, all’epoca, di cittadini poveri e carichi di debiti ce n’erano davvero tanti) e si offrì egli stesso, nella misura in cui era possibile, di pagare debiti.
Fece ancora di più. Contrariamente ai politici di oggi, egli mantenne le promesse e per prima cosa fece stilare un elenco documentato di cittadini poveri: era nata la categoria dei “Nullatenenti”.
romanbakery
Promise anche la “Manumissio” o liberazione con denaro dalla schiavitù; in casi meritevoli, anche con denaro pubblico. Chiese, infine, la restituzione di terre pubbliche accaparrate illecitamente.
Tutte queste manovre e cambiamenti, però, finirono per alienargli l’appoggio del Senato.
Giungevano, intanto, a Roma voci secondo cui i figli detronizzati di Anco Marzio accarezzassero progetti di rivalsa su un trono praticamente vacante.
Da grande “animale politico”, il buon Servio si presentò ancora una volta al Foro per annunciare al popolo che lo gremiva, d’essere pronto a levare le tende.
Una folla sovraeccitata ed osannante, però, lo pregò di restare ed egli non si fece pregare a lungo e promise che si sarebbe presentato presto in Curia per chiedere d’essere eletto Re, secondo la “volontà del popolo romano”.
Il Senato respinse la richiesta, ma il popolo lo appoggiò e Roma ebbe il suo VI° Re il quale passò immediatamente all’azione ed attuò tutte quelle riforme e cambiamenti che ai precedenti Sovrani era stato impedito di fare: portò il numero delle Tribù da tre a trenta, e ripartì il popolo in Centurie (in base al censo) che, oltre ad offrire fanti e cavalieri, assicuravano anche voti nelle assemblee.
Oltre alla Politica, Servio si interessò anche alla Religione. Confermò e sostenne il culto di Giove, Giunone, Marte e Minerva, ma introdusse ed appoggiò anche il culto di una Dea molto amata, soprattutto dalle donne: Diana, per cui fece costruire, con il contributo di tutte le città, un imponente Tempio sull’Aventino.
Servio Tullio, dunque, schiavo di stirpe reale, affermò il proprio potere non con l’appoggio del patriziato, ma con quello del popolo, ossia, della parte più debole del tessuto sociale.
Rancori e tentativi di congiura da parte della nobiltà, erano, di conseguenza, più che prevedibili.
Ma non fu la mano di un patrizio a colpire a morte il VI° Re di Roma.
Servio Tullio aveva due figlie: Tullia Minore e Tullia Maggiore, sposate ai nipoti di Tanaquilla, Arunte e Lucio Tarquinio. Sarà la loro mano a togliergli la vita e sarà fatto nel modo più feroce che si possa immaginare, ma… ma questa tragedia appartiene ad un’altra pagina di Storia.

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Post più popolari